Montalcino è il paese dove si produce uno dei migliori vini della Toscana, e del mondo: il Brunello di Montalcino. E’ un piccolo comune di origine medioevale, in provincia di Siena, e territorialmente si colloca alla fine della val d’Orcia a nord-ovest del Monte Amiata. La visita può iniziare dalle imponenti mura fortificate, considerato che questo borgo è stato l’ultimo baluardo della Repubblica di Siena nel XVI secolo, in virtù dei 4 km di cinta muraria, tredici torrioni e sei porte di accesso alla città. All’interno della Rocca c’è anche l’Enoteca la Fortezza, l’ideale per degustare le annate di pregio del Brunello, il vino DOCG che ha reso Montalcino celebre in tutto il mondo. Dalle torri della Rocca si possono ammirare all’orizzonte le valli dell’Ombrone e dell’Asso, che si estendono oltre le colline punteggiate dai vigneti. Il centro storico del borgo si sviluppa attorno a Piazza del Popolo, dove sorge il Palazzo dei Priori, ovvero il palazzo comunale. Questo edificio è adornato dagli stemmi dei podestà che hanno governato Montalcino e, al pianterreno, c’è una statua che raffigura Cosimo I, il primo Granduca di Toscana. La visita di Montalcino non può non includere una tappa all’Abbazia di Sant'Antimo, situata al di fuori del borgo, nella frazione di Castelnuovo dell’Abate. Questo monastero rimase in abbandono per molti anni, fino a quando, nel 1979, un gruppo di sacerdoti francesi fondò una nuova comunità monastica, ispirata alla regola dei canonici regolari di Sant’Agostino. Grazie al loro operato, l’Abbazia di Sant’Antimo è stata ristrutturata e, nel 2016, i monaci benedettini olivetani provenienti dall’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore, sono subentrati ai francesi. All’interno dell’abbazia, durante la messa, si possono ascoltare i canti gregoriani intonati dai monaci, un’esperienza che non ha paragoni altrove e che rende la vostra visita al monastero un ricordo emozionante e vivido.

Copyright © 2021 Visitit.it - Via Galliano, 36, Riccione (RN) - Italia
Sito web creato con ericsoft