Trova le migliori offerte a Ustica

Città
Check-in
Check-out

L’isola di Ustica è la parte emersa di un vasto apparato vulcanico sottomarino formatosi 1.000 anni fa che si innalza dal fondo del Basso Tirreno per oltre 2000 metri.

 

Il suo nome trae origine dalla sua natura vulcanica, dal latino usta, terra bruciata. Erodoto la chiamò Osteodes, ‘Isola delle ossa’, narrando di 6.000 mercenari lasciati morire sull’isola dai Cartaginesi per ammutinamento.

Questa fantastica isola è in grado di accontentare qualsiasi tipo di esigenza, grazie ad una variegata offerta di siti balenari: affascinanti calette come la Cala Sidoti, di ciottoli e sabbia nera, o la Caletta S.Maria facilmente accessibili anche con bambini, con una favoloso acquario naturale dove vedere i pesci nel loro ambiente. Per gli amanti dello snorkeling la cala di Punta Megna, o la favolosa Piscina Naturale.

 

Ai piedi del Faro di Punta Cavazzi in contrada Spalmatore una grande piattaforma in cemento agevola l'accesso in un mare cristallino, poco profondo nei primi 30 metri, incastonato in uno scenario suggestivo. 

A Cala S. Maria il mare pulito e cristallino di Ustica permette di poter fare il bagno anche nella zona degli approdi, dove, ai piedi dell'Acquario, l'ampia Cala offre una spiaggia molto adatta ai bambini.

Cala Sidoti e Caletta dello Spalmatore hanno spiagge di ciottoli e sabbia nera. sono situate all'interno della zona integrale dell'Area Marina Protetta, sul versante nord occidentale dell'isola, sono un unicum nel mondo: adattissime per bambini consentono di nuotare in armonia con i pesci e con la natura, l'ideale per spettacolari esperienze di snorkeling.

Immediatamente sotto al faro di Punta Cavazzi in zona Spalmatore, si trova uno specchio d'acqua trasparente racchiuso da una scogliera e comunicante con il mare tramite un cunicolo sottomarino, è la Piscina naturale di Ustica. A poca distanza, sotto alla Torre Borbonica, c'è un piccolo molo alto circa 2 mt. dove distendersi al sole e da cui è possibile effettuare tuffi spettacolari.

Cala San Paolo, nella parte sud dell'isola, è una delle poche calette raggiungibili anche da terra percorrendo il Sentiero del Mezzogiorno, a pochi metri dalla Grotta delle Barche raggiungibile a nuoto.

Tra la Punta dello Spalmatore e il Faro di Punta Cavazzi in zona Spalmatore, si trova la Cala del Patricuono con grossi massi, una piccola spiaggetta di sabbia nera attrezzata a pagamento, e una piccola piattaforma.

Nella parte nord dell'isola vicino al villaggio preistorico e ai Faraglioni in zona Tramontana, delle piccole insenature facilmente raggiungibili c'è il Corruggio.

Al limite ovest della Riserva Marina in zona Spalmatore subito dopo Cala Sidoti c'è una parte di costa con scogli piatti ideali per distendersi al sole, in uno scenario suggestivo proprio di fronte allo Scoglio del Medico. Ideale per lo snorkeling.

 

Copyright © 2020 Visitit.it - Via Galliano, 36, Riccione (RN) - Italia
Sito web creato con ericsoft