Trova le migliori offerte sul Lago d'Iseo

Città
Check-in
Check-out

Incastonato in una preziosa corona di monti e colli abbelliti da motivi cromatici e incisioni antiche, tra le province di Brescia e Bergamo, il Lago d'Iseo ospita al suo interno alcune fra le più famose isole lacustri d'Italia, come Monte Isola e le Isole di Loreto e San Paolo. E’ il più piccolo tra i “grandi” laghi del Nord Italia.

 

Nonostante il lago d'Iseo si estenda in una delle aree più popolose e produttive d'Italia, la natura ha ancora un ruolo predominante in questo territorio. Lungo le sponde del lago s'incontrano tre riserve naturali: Le Torbiere del Sebino: un piccolo paradiso naturalistico dove nidificano numerose specie di uccelli, da scoprire attraverso diversi percorsi circondati dalla tipica flora palustre e specchi d’acqua coperti di ninfee. Le Piramidi di Zone, dove l’azione erosiva dell’acqua e quella protettiva di grandi massi di roccia hanno dato luogo ad alte colonne di terreno morenico conosciute come piramidi. La Valle del Freddo, situata ad un’altitudine tra i 350 e i 700 metri, presenta specie che normalmente si trovano ad altitudini superiori grazie all’emissione di aria gelida da alcune “buche del freddo”.

Sulzano è la meta preferita dagli amanti della vela, con tanto di piccola spiaggia balneare in località Pilzone. Un borgo di antiche chiese – come la Parrocchiale o Santa Elisabetta –, e vicoli stretti di case di pietra che terminano in un approdo sulla riva per le barche dei pescatori. Da qui si può partire per visitare a piedi le frazioncine che si inerpicano sui colli vicini, sparsi di antiche pievi, o iniziare il periplo del lago, incontrando alcuni tra i più romantici paesini della Lombardia: Sale Marasino, Pisogne, Lovere, Riva di Solto, Tavernola, Predore, Sarnico, la stessa Iseo. E dall’imbarcadero c’è sempre una barca che parte per Montisola, l’isola lacustre più grande d’Europa sulla cui cima si trova il Santuario della Madonna della Ceriola, da dove si può godere del panorama del lago a 360°.

Lungo le pendici e in riva al lago sono dislocati 11 centri abitati, pittoreschi e dal sapore antico, dove sono ben custodite arti e mestieri di un tempo. Sulla strada costiera del lago d’Iseo, a metà strada tra i caratteristici borghi di Riva di Solto e Castro, si ha lo spettacolo suggestivo degli orridi, imponenti rocce disposte a lastroni verticali a picco sull’acqua. In particolar modo l’orrido del Bogn in località Zorzino di Riva di Solto appare di una bellezza mozzafiato, con l’insenatura, le rocce a strapiombo e il lago cristallino, azzurro, che bagna la piccola spiaggia di sassi.

Tra la fine del lago d’Iseo e l’inizio della Valcalepio è situata la cittadina di Sarnico. Le ariose piazze, il lungolago, i negozi e le bellezze artistiche e naturalistiche circostanti, ne fanno un piacevole luogo di soggiorno. Nel cuore del centro storico è situata la Pinacoteca “Gianni Bellini”, uno stabile del XV sec. che ospita più di 150 opere donate alla collettività da Don Gianni Bellini. Ma Sarnico è nota anche per i Cantieri Nautici Riva e per le sue Ville in stile Liberty ad opera dell'architetto Sommaruga.

Iseo, cittadina sviluppata in riva al lago, conserva ancora oggi la conformazione dell’antico borgo medievale in cui spiccano Castello Oldofredi, la Pieve di Sant’Andrea e la centralissima Piazza Garibaldi. A pochi chilometri di distanza sorge Pisogne. La cittadina caratterizzata da un centro storico che si sviluppa attorno a Piazza Corna Pellegrini ospita la Chiesa di Santa Maria in Silvis e la Chiesa di santa Maria della Neve con affreschi del Romanino.

Lovere conserva un notevole patrimonio artistico e architettonico. Fra i luoghi che meritano una visita ci sono la quattrocentesca Basilica di S. Maria in Valvendra, la ricca Galleria dell'Accademia Tadini con le opere Stele Tadini e Religione di Antonio Canova, l'imponente Torre Civica con il suggestivo percorso di risalita interna, il Santuario delle Sante loveresi Gerosa e Capitanio e il Porto Turistico, fra le più grandi e moderne strutture portuali sui laghi europei.

Proseguendo sulla rivierasca bresciana verso Boario si arriva a Pisogne. Comune molto vasto con varie frazioni e contrade. Sulla Grande piazza del Mercato si affacciano signorili palazzi e la Torre del Vescovo alta 32 metri, dove, la leggenda racconta, vennero arse vive nel 1518 otto donne accusate di stregoneria. Il centro storico, su un leggero rialzo, è formato da strette vie porticati e antichi palazzi come il Palazzo Fanzago. Dal porto partono i collegamenti per Montisola e per le altre località del lago. Visibile dalla Piazza del Mercato la Parrocchiale di Santa Maria Assunta del XVIII sec. , a navata unica, con eccezionale organo a canne del 1855. Sulla cupola un bel affresco raffigura la “Assunzione di Maria”. Il signorile lungolago di Pisogne è una vera attrazione per gli abitanti della vicina Valle Camonica che vi si recano per passeggiare romanticamente godendo della brezza lacustre soprattutto nei mesi più caldi dell’anno.

 

Copyright © 2020 Visitit.it - Via Galliano, 36, Riccione (RN) - Italia
Sito web creato con ericsoft