La più antica e caratteristica cucina sarda è quella “di terra”, dell’interno dell’isola. I suoi cardini sono le carni arrostite (animali selvatici, cacciagione, pecora e maiale) il pane, i latticini, il miele, i salumi e le verdure.

 

Cucina di pastori e di contadini ricca di aromi di erbe di legna odorosa, fatta di sapori decisi ma non piccanti. Cucina antichissima che conserva precisi significati simbolici. I piatti di mare, che a tutti gli effetti sono oggi parte della tradizione gastronomica sarda, sono prevalentemente di origine spagnola, genovese, e siciliana (in particolare Bottarga di tonno e muggine, ricette con pesce spada). Perno di tutta l’alimentazione sarda è il cibo più naturale e frugale che ci sia: il pane. Qui assume forme, sapori e consistenze diverse. C’è il pane a grandi forme che si affetta “pani tunno”, il pane “carasau”, secco, sottilissimo, leggero e croccante, la “carta a musica”, il pane alle patate “moddizzosu”. Ci sono poi i pani “rituali”, per le occasioni speciali e ricorrenze religiose.

 

I prodotti tipici

In un ambiente dominato dalla montagna aspra e rocciosa, ricca di vegetazione spontanea in cui i pascoli si alternano agli arbusti e ai boschi, non meraviglia che fra i prodotti tipici di Sardegna riconosciuti dall’Unione Europea ci siano formaggi prodotti con latte di pecora. La pecora è da sempre, nell’Isola, la vera protagoniste di tutta l’agricoltura locale. E’ appunto dal latte di pecora che nascono tre formaggi a Denominazione di Origine Protetta, veri e propri fiori all’occhiello nel panorama dei prodotti tipici di Sardegna. Il più noto, e lavorato anche in caseifici di medie e grandi dimensioni, è il Pecorino Sardo DOP ma non va dimenticato l’ottimo Fiore Sardo DOP e il Pecorino Romano DOP, il cui territorio d’origine comprende anche il Lazio e una piccola area della Toscana; ma è soprattutto prodotto tipico di Sardegna. E sempre la pecora è “artefice” di un altro prodotto tipico della Sardegna, l’Agnello di Sardegna IGP.

 

I Vini

L’uva più diffusa della regione porta il nome dei misteriosi e antichi “Nuraghi”, di qui il vino nuragus che proviene dalla provincia di Cagliari. Risalendo all’estremo nord della regione si incontrano i vini più noti della Sardegna come il Cannonau e il Vermentino e La Vernaccia di Oristano. Queste le DOC sarde:

Malvasia di Cagliari, Monica di Cagliari, Moscato di Cagliari, Alghero, Arborea, Cagliari, Campidano di Terralba, Cannonau di Sardegna, Carignano del Sulcis, Girò di Cagliari

Scopri alcune specialità tipiche sarde

Copyright © 2021 Visitit.it - Via Galliano, 36, Riccione (RN) - Italia
Sito web creato con ericsoft