Il villaggio ipogeo, sede della necropoli punica di Sulky, si trova nel versante occidentale della collina sormontata dal Forte sabaudo di Sant’Antioco. La necropoli punica fu scavata tra il VI e il III secolo a. C. dai Cartaginesi. Essi sostituirono la sepoltura fenicia che prevedeva l’incinerazione del defunto con l’inumazione. Scavarono camere sepolcrali dove seppellirono i componenti dei gruppi familiari. Nel corso del medioevo l’isola di Sant’Antioco fu attaccata dagli arabi che la saccheggiarono più volte. Una parte degli  abitanti di Sant’Antioco si trasferì verso luoghi più tranquilli come Iglesias, mentre i pastori e gli agricoltori profanarono le tombe puniche che rimanevano nascoste agli occhi degli invasori  e le trasformarono nelle loro abitazioni. Le tombe trasformate furono chiamate con un vocabolo sardo “Is gruttas”.

Copyright © 2020 Visitit.it - Via Galliano, 36, Riccione (RN) - Italia
Sito web creato con ericsoft