A Venezia il primo documento in cui si cita ufficialmente il Carnevale come ‘festa pubblica’ è un editto del Senato della Serenissima del 1296, ma già dal 1271abbiamo notizia di botteghe artigiane per la produzione di maschere e manuali sulle tecniche di costruzione. È nel Settecento che il Carnevale di Venezia raggiunge il suo massimo splendore, acquistando risonanza internazionale in tutta Europa. Il travestimento è l’essenza stessa della festa, dove maschere e costumi diventano strumenti indispensabili per realizzare il clima di questo periodo dell'anno, dedicato alla trasgressione, alla spensieratezza, alla leggerezza ed al divertimento. Le strade, i campi, le calli, si trasformano allora in un grande palcoscenico in cui tutto sembra diventare possibile per la garanzia del totale anonimato.

Copyright © 2020 Visitit.it - Via Galliano, 36, Riccione (RN) - Italia
Sito web creato con ericsoft