Il Parco Nazionale della Val Grande fu istituito nel 1992, ed è di fatto l’area selvaggia più vasta di tutta l’Italia (14.598 ettari), situata nella regione Piemonte a pochi passi dalla civiltà. La valle è inserita in una zona di grande interesse geologico: le cime più importanti, cioè il Pedum, il Proman, la Cima Sasso, la Cima della Laurasca e i Corni di Nibbio, sono fatte di rocce verdi o nerastre molto pesanti e resistentiagli agenti atmosferici, provenienti dalla crosta continentale.È un territorio chiuso, protetto da aspre montagne, accessibile solo attraverso valichi percorribili a piedi, un tempo abitato da persone dedite alla pastorizia e al disboscamento, è oggi disabitato e regno di una natura selvaggia su cui l’uomo non interviene da più di quarant’anni. È proprio la ricchezza e la varietà della vegetazione una delle caratteristiche più interessanti della valle, abitata da camosci, caprioli, volpi, cervi e molti altri protagonisti della fauna alpina, tra cui l’aquila. I periodi dell’anno più indicati per la visita del parco sono la primavera, l’estate e l’inizio dell’autunno per le favorevoli condizioni climatiche: la rete dei sentieri, alcuni impegnativi, soprattutto per chi non conosce la valle, deve essere percorsa con prudenza e con l’aiuto di accompagnatori esperti.

http://www.parcovalgrande.it/

 

Copyright © 2020 Visitit.it - Via Galliano, 36, Riccione (RN) - Italia
Sito web creato con ericsoft