Definita la regione verde d’Europa, ha la caratteristica di avere gran parte del proprio territorio tutelato da Parchi Nazionali ed oasi naturalistiche.


Con 3 parchi Nazionali, l’Abruzzo soprannominata “regione verde d’Europa” offre splendidi contesti immersi in una natura selvaggia. Le montagne del Gran Sasso e della Majella regalano scorci mozzafiato e stupendi panorami dove lo sguardo può spaziare contemporaneamente dalle vette più alte dell’ Appennino fino al Mare Adriatico.

Uno dei luoghi più belli da visitare in Abruzzo è senza dubbio il Lago di Scanno: incastonato dai Monti Marsicani come uno smeraldo, a quota 922 metri s.l.m., questo limpido specchio d’acqua dolce è famoso soprattutto per la sua splendida forma a cuore. Posto nell’Alta Valle del Sagittario, per tre quarti nel comune di Villalago e per un quarto nel comune di Scanno (provincia L’Aquila), il lago si è formato dallo sbarramento del fiume Tasso, tra 12.820 e 3.000 anni fa, in seguito ad una frana staccatasi dal sovrastante Monte Genzana.

Immersi nel verde della montagna o sulla costa dei Trabocchi, ci sono piccoli centri e piccoli paesi dove la vita scorre lenta. Tra fortezze e mura di cinta, passeggiando per alcuni borghi è possibile fare un vero e proprio viaggio nel tempo alla scoperta dei luoghi e tradizioni del passato. Nell’impossibilità di citarli tutti, ci limitiamo a suggerire quelli più noti o suggestivi. Tra questi merita una visita Tagliacozzo dove è possibile ancora ammirare il castello in rovina e quel che resta della cinta muraria. Palazzo Ducale è la perla del patrimonio artistico di Tagliacozzo che risale alla prima metà del XIV secolo.

Sulla Costa dei Trabocchi si trova Rocca San Giovanni, un piccolo centro dove la vita scorre con lentezza e dove il trabocco sulla spiaggia ricorda il paziente lavoro del traboccante che all'alba gettava le reti in mare. Il trabocco più antico è quello di Punta Turchino, descritto anche da Gabriele d’Annunzio in uno dei suoi più celebri romanzi, Il trionfo della morte. Il borgo racchiude numerosi punti di interesse, come l’eremo dannunziano o l’eremo delle Portelle, dove soggiornò D’Annunzio nell’estate del 1889. 

L’Abruzzo inoltre è un grande museo di architettura militare all’aperto. Non c’è borgo, cima, passo o promontorio che non abbia la sua torre o il suo recinto fortificato, eretti per motivi di difesa. Impossibile citare tutti i 700 luoghi tra castelli e fortezze che si incontrano nel territorio di questa regione ma tutti meriterebbero di essere scoperti e visitati.

 

Le spiagge

La Costa dell'Abruzzo, lunga ben 130 Km, ha una grande varietà di spiagge. Le spiagge della costa abruzzese hanno un fascino particolare ed unico nell'Adriatico: il fascino degli antichi borghi di pescatori a due passi dalle montagne, con il profilo caratteristico del Gran Sasso che si staglia davanti al mare. La zona di Teramo è collinare invece e segna un altro incontro del tutto particolare per le coste italiane, quello tra mare e campagna. Qui si trova la Riserva Naturale Regionale di Punta Aderci. Lungo il tratto di Costa della provincia di Chieti, si trovano alcune delle spiagge più belle della Costa dei Trabocchi. I trabocchi sono antiche macchine da pesca su palafitta tipiche dei paesi sul mare di questa zona. Partendo da Ortona si può visitare il tratto di costa abruzzese caratterizzato da un susseguirsi di spiagge protette da rupi, calette e spiagge sabbiose. Punta del Cavalluccio è una bellissima spiaggia dorata. Quello che più colpisce di questo tratto è la scogliera che è decisamente uno degli angoli di mare più belli della costa.

 

 

Scopri il territorio dell'Abruzzo

Territorio&Natura

Territorio&Natura

Territorio&Natura

Territorio&Natura

Territorio&Natura

Territorio&Natura

Territorio&Natura

Territorio&Natura

Copyright © 2020 Visitit.it - Via Galliano, 36, Riccione (RN) - Italia
Sito web creato con ericsoft